Manifattura fibra di carbonio e materiali compositi

Epi Fibra di carbonio e materiali compositi

Azienda

La vicinanza al distretto aeronautico pugliese e la collaborazione con centri di ricerca sui materiali compositi (http://www.cetma.it/leggi_news.aspx?id=25) hanno consentito lo sviluppo di un profondo know-how relativo ai processi di manifattura e lavorazione della fibra di carbonio e materiali compositi.
Trasferiamo ai clienti il know-how per l’utilizzo dei materiali compositi nello sviluppo prodotto o nella progettazione di nuovi oggetti tecnologici.

Grazie alle elevate competenze dei nostri tecnici ed ingegneri, siamo in grado di offrire al cliente un servizio di progettazione e realizzazione di componenti in fibra di carbonio e materiali compositi, personalizzati in base alle specifiche esigenze.

I settori di riferimento sono attrezzature sportive, arcioni per selle da equitazione, componentistica per arredo-design, componenti e parti per settore nautica e automotive, articoli di valigeria per uso professionale e personale.

Perchè sceglierci

Affidabilità e trasparenza

Tecnologia di proprietà

Tecnici altamente qualificati

Fornitori selezionati

Qualità 100% Made-in-Italy

Sviluppo dei prototipi

Studiamo soluzioni su misura per l’innovazione di prodotto.

Nel 2015 la EPI ha completato l’allestimento di un impianto produttivo dedicato alla lavorazione fibra di carbonio e materiali compositi dove è possibile progettare e realizzare manufatti e componenti su specifica del cliente.
Il reparto produttivo comprende una autoclave diametro 1700 mm per 5500 mm di lunghezza.
Basandoci sui disegni forniti dal cliente o dal reverse engineering di oggetti fisici esistenti, studiamo e proponiamo soluzioni taylor made che prevedano l’impiego di materiali compositi.

I nostri ingegneri e tecnici sono in grado di offrire i seguenti servizi:

Consulenza su analisi di fattibilità tecnica e ottimizzazione costi.

Progettazione, modellazione e stampa 3D

Progettazione e realizzazione di stampi

Manifattura di prodotti in singolo esemplare o in serie

Costruzione di prodotti su misura

Test e certificazione di laboratorio, in collaborazione con centri di ricerca specializzati

Prodotti e settori

La fibra di carbonio ed i materiali compositi sono applicabili a molteplici ambiti industriali.

I nostri settori di riferimento:

Soluzioni su misura

La costante ricerca e sperimentazione che guida la nostra azienda e la grande versatilità della fibra di carbonio e dei materiali compositi in generale, ci permettono di studiare e sperimentare soluzioni per i più svariati settori, sempre personalizzate in base alle esigenze tecniche ed estetiche del cliente.

Individuiamo la soluzione ottimale per il business del cliente affiancando in ogni fase del processo di sviluppo prodotto.

Materiali compositi: cosa sono e come si realizzano

I materiali compositi sono diventati una risorsa preziosa per la realizzazione di numerosi prodotti poiché integrano leggerezza, resistenza meccanica e resa estetica: elementi indispensabili in molteplici settori industriali.
L’impiego dei materiali compositi ha assunto negli ultimi decenni un’importanza rilevante, arrivando, in alcuni settori, a sostituire quasi totalmente i materiali metallici, plastici e lignei, grazie alle loro elevatissime proprietà fisico-meccaniche.
Tra i materiali compositi un ruolo di primo piano è occupato dalla fibra di carbonio, materiale fortemente innovativo che consente di realizzare prodotti con caratteristiche meccaniche prima impossibili e dal forte appeal racing: ideale ad esempio per dare nuova vita ad un prodotto ormai maturo oppure fornire una nuova leva alla funzione marketing.

Sono definiti “compositi” i materiali costituiti da due o più elementi. Dall’unione di questi elemeti si ottiene un nuovo materiale che coniuga le caratteristiche migliori dei singoli elemeti che lo compongono. Generalmente i materiali compositi sono realizzati per mezzo di una matrice e di una fibra.
Ad esempio il cemento armato è un materiale composito in quanto costituito dal tondino in ferro, che ha il compito resistere alla trazione, e dalla matrice cementizia cha ha il compito di resistere a compressione. Allo stesso modo un manufatto realizzato in fibra di carbonio e composto dai filamenti tessuti di fibra di carbonio e da una resina, la matrice, generalmente di natura epossidica.
La matrice è il “collante” che tiene insieme la fibra e lo protegge dagli effetti dell’ambiente esterno, consentendo anche di distribuire i carichi cui il prodotto e sottoposto.

I materiali compositi consentono la costruzione di strutture leggere, resistenti ed efficienti dal punto di vista energetico che possono essere utilizzate in una grande varietà di applicazioni.
Il settore aeronautico e quello aerospaziale sono stati i settori di riferimento precursori nell’uso e l’impiego dei materiali compositi: le tecnologie sviluppate in questi ambiti possono essere oggi utilizzate anche per applicazioni di uso quotidiano.

Processi produttivi

L’utilizzo di materiali compositi richiede diverse valutazioni tecniche ed economiche, infatti a differenza dei metalli o altri materiali tradizionali, essi richiedono l’utilizzo di processi e metodologie, che anche se applicati su scala industriale e produttiva, risultano avere tempi e costi di realizzazione importanti. Esistono diversi metodi per la produzione di manufatti in materiali compositi.
Uno dei principali, nonché quello usato in campo aeronautico, è il processo in autoclave, poiché garantisce le migliori caratteristiche meccaniche sul prodotto finito
I tessuti prepreg (ovvero tessuti già impregnati con al resina/matrice) di fibra di carbonio o kevlar o altro materiale composito vengono prima tagliati in sagome. La sagome vengono laminate in uno stampo; lo stampo e poi inserito in autoclave e sottoposto ad un ciclo di cura a pressioni e temperatura controllate elettronicamente. Al termine del proceso si ottiene il pezzo finito.

Esistono numerose tipologie di materiali composti. La prima distinzione divide in due macro aree le fibre e le matrici, a seconda che queste siano naturali o sintetiche.
Tra le tipologie più note di fibre sintetiche vanno sicuramente annoverate la Fibra di carbonio, la Fibra aramidica (kevlar) e la Fibra di vetro.

Fibre di carbonio - Epi Group
A queste si affiancano le matrici sintetiche a loro volta suddivise in polimeri termoindurenti, (ad es. epossidiche o poliestere etc) polimeri termoplastici (ad es.polietilene etc )

Biomateriali

Anche i compositi naturali, costituiti da almeno un elemento di derivazione naturale, rivestono attualmente particolare importanza. Oggi infatti sono disponibili fonti alternative rispetto alle fibre tradizionali; è il caso ad esempio dei cosiddetti rinforzi “green”, come le fibre di canapa, di lino o di bambù.In definitiva la caratteristica principale dei compositi è alleggerire il prodotto finito migliorando contemporaneamente le caratteristiche meccaniche dello stesso. Questa leggerezza si traduce in un generalizzato risparmio che a seconda dei casi può essere valutato in termini di fatica o energia.Oltre all’efficienza strutturale, i materiali compositi possono anche essere più intelligenti, più funzionali e versatili di quelli tradizionali. La combinazione di nuove funzionalità nei compositi è notevolmente più facile che con i metalli e l’unico ostacolo sono i confini dell’immaginazione.I materiali compositi renderanno il mondo di domani un luogo sempre più funzionale in cui vivere!

Contattaci per conoscere le applicazione nel tuo settore industriale

Il tuo nome/ La tua azienda (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio