Tag: oggetti d’arredo

Attedo e design in fibra di carbonio - poltrona - Epi

CARBON LEAF: L’INNOVATIVA POLTRONA IN FIBRA DI CARBONIO

Carbon Leaf, la rivoluzionaria poltrona in fibra di carbonio, realizzata da Epi per Delta Salotti, è stata presentata in questi giorni, al Salone del mobile di Milano 2018.   L’innovazione tecnologica di matrice aerospaziale e il design più all’avanguardia si incontrano per dare alla luce un oggetto unico che sembra fluttuare nell’aria!

Fibra di carbonio e arredamento, due mondi all’apparenza tanto distanti tra loro, si intrecciano nel nome dell’innovazione e della tecnologia.   Due realtà imprenditoriali pugliesi, accomunate dalla voglia di rinnovarsi e dalla curiosità verso i materiali del futuro.

Da un lato, EPI  azienda brindisina specializzata nella progettazione e produzione di componenti in fibra di carbonio e materiali compositi per diversi settori; dall’altro DELTA SALOTTI, situata nel cuore del distretto murgiano del mobile imbottito, Santeramo in Colle, realizza da anni sedute e divani di qualità in grado di sfidare il tempo e le mode.

Parola chiave comune: MADE IN ITALY!

Dall’incontro tra due aziende fortemente innovative, attente al design e alla qualità made in Italy, nasce Carbon Leaf, una seduta che rompe i classici schemi del mondo dell’arredo e porta un materiale ancora poco noto, come la fibra di carbonio, nella vita quotidiana!

La poltrona in fibra di carbonio Carbon Leaf, realizzata da EPI per DELTA SALOTTI, è stata disegnata per ottenere elevata leggerezza, solidità ed equilibrio estetico grazie all’ utilizzo di una lamina in fibra di carbonio dello spessore di 5 mm, altamente resistente alle diverse sollecitazioni.
Il risultato è un oggetto unico che sembra fluttuare nell’aria e che sostiene l’ampia cuscinatura realizzata con imbottiture ecologiche waterlily.
Oltre alle caratteristiche estetiche e al design distintivo, l’obiettivo di questo progetto punta ad alleggerire il prodotto migliorandone contemporaneamente le caratteristiche meccaniche ed estetiche.
Una leggerezza che si traduce in maggiore semplicità di utilizzo e di movimentazione sia in magazzino che a casa.

 

La tecnologia dei materiali utilizzata per questo progetto proviene dalla ricerca in ambito aerospaziale che EPI da anni porta avanti in collaborazione con centri di ricerca specializzati,  studiando l’applicazione dei materiali compositi  ad oggetti d’uso più comune ma dalle performance elevate.

La FIBRA DI CARBONIO si caratterizza sia per le sue eccellenti proprietà meccaniche, come il rapporto resistenza-peso, che per la sua estetica. Applicata all’arredo-design, questo materiale dalle performance eccezionali, consente di rinnovare prodotti esistenti o crearne di nuovi, con caratteristiche uniche!

Il processo di lavorazione della poltrona in fibra di carbonio Carbon Leaf, parte da un’attenta ricerca stilistica ed ingegneristica elaborata dalle due aziende, per coniugare al meglio le esigenze estetiche con la fattibilità tecnica del progetto.

La lavorazione della struttura in fibra di carbonio avviene attraverso un processo di laminazione manuale, unito all’utilizzo di autoclavi industriali; tale tecnologia di derivazione aeronautica assicura i più elevati standard qualitativi ed un’elevata resistenza meccanica.

Completano il prodotto i rivestimenti di altissima qualità e la grandissima esperienza artigianale, da sempre pilastri di DELTA SALOTTI.

Tecnologia all’avanguardia ed artigianalità si fondono e fungono quindi da raccordo tra le due aziende, che trovano nella qualità dei materiali e nel made in Italy un fondamentale  punto in comune, dando un’eccellente esempio di cooperazione tra due realtà fortemente specializzate nel proprio campo, ma con la volontà di aprirsi a nuove sfide produttive!

 

 

Ultraceramica - Arredo e design - Epi

FIBRA DI CARBONIO E CERAMICA: INNOVAZIONE E TRADIZIONE SI INCONTRANO A TAVOLA!

Fibra di carbonio e ceramica, due materiali apparentemente lontanissimi, ma accomunati dall’artigianalità e manualità, si incontrano, dando vita ad oggetti unici

Nascono così “JIID” e “JIED” – TOTEM PER LA TAVOLA.

Il progetto, presentato a ULTRACERAMICA People and objects of the future – nell’ambito di ARKEDA (Mostra Convegno dell’architettura, edilizia, design e arredo) tenutasi a Napoli, presso la Mostra d’Oltremare, dall’ 1 al 3 dicembre 2017 – vede la collaborazione tra due aziende pugliesi, appartenenti a settori totalmente diversi ma entrambe con una forte connotazione artigianale, da un’idea degli architetti Michele Sallustio e Arianna Vivenzio.

GLI OGGETTI

JIID” e “JIED” in dialetto pugliese significano Lui e Lei. Si tratta di complementi d’arredo per la tavola, oggetti antropomorfi con la funzione di contenere, sorreggere ed esaltare il cibo. Quattro forme ceramiche lavorate e smaltate a mano si intersecano ad elementi in carbonio.

Fibra di carbonio e ceramica si abbracciano conferendo alle 2 creazioni resistenza e poetiche!

ULTRACERAMICA – People and objects of the future! 

Il progetto Ultraceramica nasce da un’ iniziativa di ADI – Associazione per il disegno industriale –  delegazione Campania, in collaborazioni con le delegazioni di Puglia-Basilicata e Sicilia.

Secondo la visione originale dell’ADI, il design deve essere inteso come un sistema che  mette in rapporto la produzione con gli utenti, integrando ricerca, innovazione e tecnica, per dare funzionalità, valore sociale e  significato culturale ai beni distribuiti sul mercato.

La Collezione prevede la prototipazione di complementi di arredo, principalmente destinati alla tavola, al mobilio e alla persona, caratterizzati dall’ uso preminente della ceramica nelle sue varie declinazioni e tecnologie.

I PROTAGONISTI

GiùInLab è un laboratorio di autoproduzione di ceramiche, architettura e design nato a Monopoli nel 2012 da un progetto di Anna Dibello e Giambattista Giannoccaro, specializzato nella creazione di oggetti che interpretano paesaggi, tradizioni, forme e colori del territorio pugliese

EPI è un’ azienda Brindisina, nata nel campo della carpenteria metallica e dell’impiantistica industriale, e specializzatasi successivamente nella lavorazione di materiali compositi e fibra di carbonio, progettando e realizzando componenti ed oggetti per svariati settori, caratterizzati da elevate performance meccaniche, alta resistenza e estrema leggerezza.

Da un idea degli architetti Michele Sallustio e Arianna Vivenzio, fibra di carbonio e ceramica si incontrano e si fondono dando vita a creazioni ibride che coniugano nuove tecnologie e tradizione, robustezza e ricercatezza.

Continuando ad utilizzare questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina, l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi